Palermo, sui tetti della Cattedrale

Quante volte capita che gli stessi abitanti di una città non conoscano il loro tesoro storico-artistico che attira invece i turisti di ogni parte del mondo?

Il percorso arabo-normanno di Palermo, dal 2015 parte dell’UNESCO, è uno di questi tesori che gli stessi palermitani forse conoscono poco e ci passano accanto distratti, persi nelle incombenze quotidiane.

In questo percorso, una menzione particolare va alla Cattedrale, magnifico esempio di combinazione di stili architettonici e scultorei che attira ogni giorno visite nazionali e internazionali. Questo capolavoro artistico non deve essere però solo ad esclusivo uso dei visitatori di fuori. Possono goderne anche i palermitani e, quest’estate, in una maniera molto seducente: con le visite serale dei tetti della Cattedrale. Ottima alternativa alle solite serate per chi desidera respirare un’atmosfera quasi magica e sfuggire per un po’ alla calura estiva, quest’anno particolarmente asfissiante.

La sera tutto diventa più bello e la Cattedrale si staglia in tutta la sua imponenza nel cielo stellato e la bellezza continua dopo la salita sui tetti che prevede due tempi. Il primo vi porterà a metà altezza dove una guida appassionata spiegherà le diverse modifiche che la chiesa ha subito nel corso dei secoli, quando è stata basilica, chiesa-fortezza e persino moschea, quando sono stati aggiunti innesti neoclassici (la cupola e gran parte degli elementi dell’interno) nel XVIII secolo e la Madonna della Conca d’Oro nel 1954, che scruta l’orizzonte da una delle torri gotiche. Per la seconda tappa, si sale ancora più in alto e da poco tempo è possibile fare un giro attorno alla cupola.

Un’esperienza che permette di guardare la città da un altro punto di vista e di avvertire l’eredità dei secoli.

Per info. su orari e prezzi, visitate la pagina web della Cattedrale.

CONDIVIDI