Palermo – Spezia: Presentazione del match

A Palermo cresce l’attesa per il Palermo che sarà, il Palermo che affronterà la prossima Serie B. In attesa di sapere cosa risponderanno FIGC e Lega Serie B alle richieste di Zamparini (ovvero di rinviare le partite in corrispondenza delle pause nazionali causa la mancanza di 8-9 titolari per i rosa, cosa di cui abbiamo già parlato qui), il Palermo si avvia a preparare la prima partita di campionato in casa contro il roccioso Spezia.
I rosanero hanno sicuramente trovato delle certezze difensive nel precampionato, con il 3-4-1-2 di Tedino che garantisce parecchia copertura a Posavec. Nel test di Coppa Italia con il Cagliari è mancato però l’attacco, apparso invece in palla con avversari di minor calibro, leggasi l’ultima partita vinta per 8-0 in amichevole contro il Marsala. Attendendo notizie dal mercato, sia in entrata che in uscita, il Palermo si dovrebbe schierare con Posavec in porta; difesa a tre con Cionek, Bellusci, Struna; centrocampo con Morganella ed Alesaami sugli esterni con Jajalo e Chochev centrali; in attacco Coronado (assente in Coppa Italia a causa di un affaticamente muscolare) dovrebbe tornare in campo dietro le due punte Trajkovski e Nestorovski. Possibilità di subentrare a partita in corso per Gnahorè e La Gumina, apparsi in ottima forma in Coppa Italia. Dubbi invece sulla presenza in campo e soprattutto sulla permanenza in Sicilia di  Rispoli e Lo Faso. Il Palermo continua a cercare difatti sul mercato un difensore e un attaccante, anche se sui vari profili sondati, non ultimi quelli di Antei e Caputo, non si è concluso nulla di concreto.

Per quanto riguarda lo Spezia, la formazione di mister Di Carlo si presenta ai nastri di partenza con un esperienza notevole della categoria ed una rosa niente male per il campionato. La formazione ligure difatti si candida ad un posto nei prossimi play-off per la Serie A. Lo Spezia si schierà con il 3-5-2, modulo di sicuro affidamento per Di Carlo e i suoi uomini. A centrocampo lo Spezia può contare su uomini di esperienza come  Sciaudone, mentre  in attacco Granoche è un elemento da temere in fase offensiva e sui piazzati. Una formazione, quella di Di Carlo, assolutamente da non sottovalutare per gli uomini di Tedino, molto arcigna difensivamente e che sa colpire in contropiede.

Non si prospetta quindi un inizio di campionato facile per i rosa, i quali sono chiamati subito ad una grand prestazione, visto anche il rischio di giocare senza molti titolari in quel di Brescia. Difatti la pausa nazionali potrebbe togliere a mister Tedino ben otto titolari, con la compagini slava chiamata in massa dai rispettivi commisari tecnici. Il rischio è quelli di andare a giocare la trasferta di Brescia con una formazione farcita di giovani e con parecchi primavera in panchina. In attacco potrebbero trovare spazio il duo La Gumina – Lo Faso, sempre che quest’ultimo rimanga in rosanero alla fine del mercato. Il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, ha inviato una lettera al presidente della FIGC chiedendo il rinvio delle partite che i rosa giocherebbero in corrispondenza con i match di qualificazione delle nazionali. Tuttavia appare difficile che un tale ricorso venga accettato, anche se si attendono risposte ufficiali dagli organi competenti.

CONDIVIDI